Lassativi

  • I lassativi non creano dipendenza in senso stretto poiché non agiscono sul sistema nervoso centrale, ma sono sovente utilizzati in modo improprio.
  • Vi è un abuso di lassativi quando la persona li assume nonostante non vi sia alcuna indicazione (ad es. costipazione) oppure li consuma a dosi superiori rispetto a quelle previste per il disturbo esistente.
  • Un abuso di lassativi può essere segno di un disturbo del comportamento alimentare.
  • A differenza di altri farmaci, l’abuso di lassativi può essere facilmente rilevato grazie ai suoi sintomi, ossia diarrea e eventualmente uno squilibrio elettrolitico.

Classificazione

Lubrificanti

  • Ausili per lo svuotamento rettale (ad es. docusato di sodio, paraffina).

Riempitivi e mucillagini

  • Ad es. semi di lino, crusca di frumento, psillio. A causa dell’effetto gonfiante di queste sostanze è necessario bere a sufficienza, altrimenti il contenuto dell’intestino può diventare viscoso, aderire alle pareti e provocare un ileo (arresto della progressione).

Lassativi osmotici

  • Non sono assorbibili, o lo sono difficilmente, e si gonfiano a contatto con l’acqua, così che il contenuto dell’intestino aumenta di volume, favorendo la peristalsi. Tra queste sostanze figurano: 
    • Lassativi salini quali solfato di magnesio, solfato di sodio (ad es. in Cololyt®, Transipeg®).
      • Effetti collaterali: talvolta disidratazione, squilibrio elettrolitico.
    • Derivati dello zucchero quali mannitolo, sorbitolo, lattitolo, lattosio, lattulosio (Duphalac®, Gatinar®, Rudolac®).
      • Effetti collaterali: talvolta flatulenza, meteorismo, crampi addominali.
    • Macrogol (glicole polietilenico; Transipeg®)
      • Effetti collaterali: tumori intestinali oppure parestesie addominali.

Stimolanti

  • Hanno un effetto anti-riassorbente e favoriscono l’afflusso di liquidi nel lume intestinale. Tra queste sostanze figurano: 
    • Olio di ricino: il trigliceride stesso è inefficace; si scompone nell’intestino tenue in acido ricinoleico.
      • Effetti collaterali: in caso di azione drastica, ev. problemi cardiocircolatori.
    • Antranoidi (ad es. aloe, senna, frangola) 
      • Effetti collaterali: crampi addominali, squilibrio elettrolitico, melanosi del colon, assuefazione.
    • Bisacodile (Dulcolax®, Prontolax®), che dopo l’assunzione per via orale viene dapprima assorbito, poi metabolizzato dal fegato e espulso nuovamente nell’intestino. L’effetto è quindi ritardato e inizia solo dopo qualche ora (circa 6-10 ore). In caso di applicazione rettale, la sostanza agisce invece rapidamente. 
      • Effetti collaterali: talvolta parestesie addominali.
    • Sodio picosolfato (Laxoberon®): struttura di base e azione analoghe al bisacodile; inizio dell’azione dopo ca. 4-6 ore.
      • Effetti collaterali: talvolta parestesie addominali.

 

Impressum