HIV

Esami sierologici

  • In caso di primo contatto / prima di iniziare una terapia con agonisti oppioidi si consigliano i seguenti esami sierologici:
    • test HIV combinato antigene / anticorpi
      • se positivo: test di conferma in un laboratorio riconosciuto per questa procedura
    • se si sospetta un’infezione HIV recente (sintomi influenzali, anamnesi): HIV RNA
  • Le persone negative all’HIV ma che presentano comportamenti a rischio (consumo endovenoso con scambio di siringhe/aghi, relazioni sessuali non protette) dovrebbero sottoporsi al test una volta ogni 6 mesi.

Infezione primaria da HIV

  • Se l’infezione da HIV è recente, un terzo dei pazienti presenta sintomi analoghi a quelli di un’influenza o di un’infezione da EBV (febbre, dolori al collo e alle articolazioni, diarrea, rigonfiamento dei linfonodi).
  • Durante l’infezione primaria il rischio di contagio è particolarmente elevato, poiché in questa fase la carica virale nel sangue è eccezionalmente elevata.
  • Sovente, all’inizio dell’infezione primaria gli anticorpi non sono rintracciabili. I virus (HIV RNA) sono tuttavia rintracciabili già dopo qualche giorno.

Profilassi post-esposizione (PEP)

  • Entro le prime 48 ore dopo una possibile esposizione all’HIV (ad es. scambio di siringhe con una persona sieropositiva; ferita con un ago), una PEP riduce considerevolmente il rischio di contagio.
  • La PEP consiste in una triterapia analoga a quelle usualmente avviate in caso di sieropositività conclamata. Essa prosegue durante un mese, sotto stretto controllo medico.
  • Per la riuscita della PEP è decisivo iniziare il più presto possibile.

Terapia HIV

  • I farmaci contro l’HIV devono essere assunti con regolarità. Un’interruzione può favorire lo sviluppo di resistenze.
  • Per le persone che seguono una terapia con agonisti oppioidi, conviene prevedere una somministrazione giornaliera dei farmaci contro l’HIV combinata all'agonista oppioide.
  • Alcuni farmaci contro l’HIV interagiscono con il metabolismo del metadone, ed è pertanto necessario aumentare la dose di quest’ultimo. In questi casi conviene ripartire la dose di metadone tra due somministrazioni giornaliere. La posologia di metadone si basa sui sintomi clinici.
  • Se si modifica o interrompe la somministrazione di farmaci contro l’HIV, occorre riconsiderare le quantità di metadone, per evitare i rischi di sovradosaggio.


Per informazioni e approfondimenti, rinviamo al sito dell’UFSP.

 

Impressum